milano46

news

News

08

Aprile
2019

Milano pronto al debutto in campionato
Fraschetti: "L'obbiettivo? Stare sopra quota 500"

Il manager rossoblù per il terzo anno alla guida della squadra parla della stagione che si pre domenica a Parma: "Tutti i ragazzi hanno un anno in più di esperienza. Non voglio più sentir parlare di squadra giovane, ma solo di squadra. Sarà un torneo equilibrato, solo il Codogno sembra un gradino sopra gli altri. Si sono rinforzati tutti, ma anche noi siamo migliorati, soprattutto sul monte. Ho visto voglia ed entusiasmo, spero che si traducano in risultati"

Sei giorni al via, sei giorni al debutto stagionale in campionato. Il Milano è pronto e da domenica a Parma con la Crocetta dovrà confermare le buone indicazioni del precampionato. Anche se passare dalle amichevoli alle partite vere è tutta un’altra musica. E il campionato, come dice Marco Fraschetti, il manager per la terza stagione di fila nel dugout rossoblù, sarà molto più difficile dello scorso anno. - Quali sono le differenze tra il Milano edizione 2019 e quello di dodici mesi fa? “La differenza principale – risponde Fraschetti – è che abbiamo un anno in più, tutti. E quindi mi aspetto un po’ più di esperienza, di consapevolezza, vorrei dire anche di capacità. E poi quest’inverno abbiamo fatto un buon lavoro, per cui mi aspetto una squadra pronta. Diciamo che dobbiamo riuscire ad essere più forti dell’anno scorso”. - Che campionato ci aspetta? “Un campionato difficile ed equilibrato. Vedo tutti più o meno sullo stesso piano, con il Codogno, probabilmente, un gradino sopra a tutti. Se non altro perché arriva da un anno di esperienza in A2, in una categoria superiore. Però generalmente vedo molto equilibrio, anche perché tutti si sono rinforzati. E il livello sarà più alto, visto che ci sono meno squadre. Quindi ci saranno meno possibilità di mettere una pezza quando si sbaglia. Inoltre la formula sarà più impegnativa, perché quest’anno, per salire in A2 non basterà entrare nelle prime due del girone. Perché alla fine, con i playoff, si rimetterà tutto in gioco”. - Quale può essere allora l’obbiettivo stagionale del Milano? “ Noi partiamo per giocare partita dopo partita. Diciamo che punteremo a fare meglio dell’anno scorso, quando abbiamo fatto un buon campionato da neopromossa chiudendo a quota 500. Ecco, vorrei stare sopra questa quota”. - Dici che tutte le squadre si sono rinforzate, ma tra queste va messo anche il Milano. “Diciamo che ripartiamo sostanzialmente con la squadra dell’anno scorso, ma con qualche innesto importante. Perché il ritorno di Lo Monaco ci consente di avere un utility che può coprire tutti i ruoli del diamante. E poi l’arrivo di tre pitcher come Gargamelli, Torri e Luca Capellano ci consente di avere una rotazione più lunga. Volevamo soprattutto rinforzare il monte e direi che l’abbiamo fatto bene”. - Insomma, resta una squadra giovane, ma con un po’ di esperienza in più. Perché molti giocatori hanno ormai qualche stagione alle spalle, anche in A2… “Sì, tutti hanno più esperienza e tutti sono più consapevoli di cosa sia un campionato impegnativo. L’anno scorso c’era la curiosità di vedere come la maggior parte dei ragazzi avrebbe reagito alle due partite e soprattutto a un torneo lungo, durato fino a settembre. Adesso però non voglio più sentir parlare di squadra giovane, perché non vorrei che diventasse un alibi. Siamo una squadra, punto. - Qual è la cosa più incoraggiante che hai visto in precampionato? “I risultati non contano niente, ma ho visto due cose importanti: la voglia e l’entusiasmo. E poi il monte di lancio ha già dato le risposte che mi attendevo”. - E le cose su cui dovrete ancora lavorare? “Dobbiamo lavorare su tutto. Perché dobbiamo migliorare sotto moltissimi aspetti. Voglio una squadra che giochi per dare sempre il meglio che può dare”. - Chiudiamo con un messaggio per chi ci legge. “Veniteci a vedere. Speriamo di avere qualche spettatore in più, speriamo che un po’ di gente voglia riscoprire il Kennedy. E soprattutto speriamo di avere in tribuna molti ragazzi del nostro vivaio. Perché devono capire che questo sarà il loro punto di arrivo”. Allora buona stagione.

loghivari
FondazioneItaliaBlue logobaseballit Logosmi1a1a Logosmi1a1a2

listanews

Altre news

14 Giugno 2019
Il Milano a casa della capolista Codogno...

13 Giugno 2019
Andrea Capellano come Paolo Bodini 46 volte consecutive interbase rossoblù...

09 Giugno 2019
Milano, un altro pareggio che non serve alla classifica...

07 Giugno 2019
Domenica al Kennedy il "ritorno" con la Crocetta...

06 Giugno 2019
Lo Monaco raggiunge Bianchi: 137 presenze in rossoblù...

02 Giugno 2019
A Parma un Milano a due facce...

apri_rassegna

Rassegna Stampa

12 Maggio 2019

La Gazzetta dello Sport

Headline milano46 logofibs